Cane vagante a San Marino Città: facciamo il punto - 27 febbraio 2018

cane_citt_5.jpg

San Marino 27 febbraio 2018 - Caso cane vagante a San Marino Città, ecco la situazione. Nel premettere la preoccupazione dell’APAS per le temperature estreme e l’abbondante nevicata, che stanno mettendo a dura prova sia la vita degli animali selvatici che il benessere di tanti domestici non debitamente custoditi, riguardo al cane vagante in Città la preoccupazione è altrettanto sentita. Detto questo desideriamo per quanto possibile, tranquillizzare i cittadini a conoscenza di questo caso, perché il cane sta bene, si alimenta regolarmente presso alcune famiglie con cui siamo in contatto ogni giorno, inoltre pochi giorni fa è stato visto giocare con il cane di una residente della zona, e questo a significare che il cane sta prendendo fiducia nelle persone, che sta bene psicologicamente e sanitariamente, poiché sa di essere accolto, accudito, non perseguitato e braccato.
Tutto ciò fa supporre che prima o poi, in particolare dalle persone che lo custodiscono, si possa lasciar avvicinare, semplicemente perché sceglierà di farlo, presupposto indispensabile anche per una futura adozione. L’eventuale cattura coatta come qualcuno continua a invocare (come fra l’altro?!) destinerebbe questo cane, che ancora non ha accettato l’uomo, ad una vita da selvatico in clausura. E’ questo ciò che si vuole per lui? Questo è il benessere che gli vogliamo riservare?



Certamente non si può escludere il rischio di un investimento stradale, quello che sappiamo è che, fino ad ora il cane ha dimostrato una certa destrezza negli spostamenti cosa che auspichiamo sia sufficiente per mantenerlo salvo. 
Confidiamo altresì nel miglioramento delle condizioni metereologiche affinché anche gli animali, compreso il nostro cane, possano affrontare meglio quest’ultimo periodo invernale. 
Siamo contattabili ai seguenti numeri di cellulare: 366 7302066 - 366 2104096 - Con messaggi privati sulla pagina Fb e scrivendo a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Grazie a tutti per la collaborazione.



Segnala questo articolo sui Social Networks
Google! Facebook! Twitter!

Una storia di cuore

Pubblicità progresso